Il gibbometro: come si usa.Il gibbometro: come si usa.


il gibbometro Ferraroil gibbometro Ferraro

Il gibbo posteriore nel paziente scoliotico è una salienza delle coste o dei muscoli paravertebrali lombari, comunemente dal lato convesso della curva scoliotica, che degrada in una depressione dal lato concavo; la deformità, almeno in parte, è l'espressione clinica della rotazione vertebrale fissa, ed è patognomonica di scoliosi strutturale (vera).

Il gibbo si evidenzia più agevolmente nel paziente flesso in avanti. Nell'esempio della Fig.1, il paziente presenta in questa posizione un gibbo toracico (dorsale) destro, nel senso che la salienza del gibbo è sulla parte destra della schiena, rispetto alla linea delle apofisi spinose.

uso del gibbometro Ferrarouso del gibbometro Ferraro
Fig.1

Lo schema nella Fig.2 chiarisce come correntemente si valuta l'altezza del gibbo a paziente flesso in avanti. Nello schema, il punto A corrisponde al culmine (chiave di volta) del gibbo, il punto B alla linea delle apofisi spinose e il punto C (alla stessa distanza di A rispetto al punto B) alla parte depressa del gibbo. Le tre linee verticali passanti per i punti s’intersecano con la linea orizzontale tangente il culmine del gibbo nel punto A.

Il segmento H della linea verticale passante per il punto C rappresenta l'altezza del gibbo, ossia il massimo dislivello esistente tra la il culmine e la parte depressa del gibbo.

“H" è l'altezza che in pratica si misura con il gibbometro.

uso del gibbometro Ferrarouso del gibbometro Ferraro
Fig.2

Suggerimenti per misurare l’altezza del gibbo con il gibbometro

Il gibbometro di Ferraro, tascabile in plastica, consta di un'asta orizzontale millimetrata recante al centro una bolla di livello, e di tre astine verticali millimetrate raccordate all'asta con delle guide; le due astine laterali godono di movimento verticale e orizzontale, l'astina centrale di solo movimento verticale.

uso del gibbometro Ferrarouso del gibbometro Ferraro
Fig.3

Lo strumento si poggia trasversalmente sulla schiena del paziente mentre questi (in slip, se femmina eventuale con reggiseno, senza calzature) è flesso in avanti di 80 gradi circa, a ginocchia estese, braccia pendenti, mani disgiunte, piedi divaricati tanto da essere idealmente sotto le spalle.

E' preferibile che l'esaminatore normalmente si ponga, meglio da seduto, di fronte al paziente, dapprima esaminandone la schiena in tutta la sua estensione per ricercare il gibbo (test di Adams), poi passando subito alla sua misurazione (come nell'esempio della Fig.4).

La posizione frontale assunta dall'esaminatore rispetto al paziente, oltre che a ridurre i tempi di valutazione, consente di misurare agevolmente i gibbi nelle regioni più basse della schiena (regione lombare o lombo-sacrale).

Se nel paziente esiste una evidente ipometria di un arto inferiore, prima di fare la misurazione del gibbo è opportuno porre sotto il piede un adeguato rialzo per pareggiare la differenza; l’espediente consente un valore altimetrico del gibbo più aderente al vero.

uso del gibbometro Ferrarouso del gibbometro Ferraro
Fig.4

Se il paziente presenta una marcata incapacità a flettersi adeguatamente in avanti stando in piedi, è opportuno che la misurazione sia fatta mentre è flesso in avanti da seduto.
La misurazione del gibbo va fatta soltanto quando esso è effettivamente visibile al test della flessione anteriore (test diAdams). Secondo la regione della schiena interessata dal gibbo, si è soliti distinguere il gibbo toracico, toraco-lombare e lombare. Inoltre il gibbo si definisce in base al lato del suo culmine, destro o sinistro, rispetto alla linea delle apofisi spinose. Nell’esempio di Fig.5, a paziente flesso in avanti (verso l’esaminatore), si misura un gibbo lombare sinistro.

uso del gibbometro Ferrarouso del gibbometro Ferraro
Fig.5

Prima di porre lo strumento sul paziente, a prescindere dalla regione del gibbo, occorre:

a) guardare lo strumento dal lato che porta impresse le scale millimetriche;

b) sostenere lo strumento per le estremità dell'asta orizzontale con le ultime tre dita flesse delle mani, in maniera tale che pollice e indice di entrambe siano liberi di muovere le astine verticali;

c) azzerare l'astina laterale corrispondente al culmine del gibbo, facendo coincidere lo 0 impresso su di essa (in rosso) con il bordo inferiore della propria guida;

d) far sporgere dal bordo inferiore della propria guida l'astina centrale (di solito da 0.5 a 1 cm); l'apice dell'astina solitamente serve da "freccia" per indicare la linea delle apofisi spinose.


Per il corretto posizionamento del gibbometro sul paziente (come nella Fig.5), occorre:

a) piazzarlo trasversalmente sulla schiena, in maniera tale che sia in bolla e con l'astina centrale indichi esattamente (senza venire necessariamente a contatto) la linea delle apofisi spinose (eventualmente tratteggiata con matita dermografica);

b) porre perpendicolarmente l'astina laterale azzerata a contatto esatto del culmine del gibbo e quella del lato opposto, alla stessa distanza dall'astina centrale, a contatto della depressione;

c) verificare sulla scala di misura dell'asta orizzontale, che le due astine laterali siano equidistanti dall’astina centrale; quest'ultima, in caso di gibbo grave, potrà essere ulteriormente fatta scorrere verso il basso per meglio indicare la linea delle apofisi spinose;

d) usare, mentre lo strumento è tenuto sopra il gibbo, pollice e indice di entrambe le mani per imprimere alle astine verticali gli spostamenti desiderati.


Il dislivello tra le due astine laterali indica così, sullo strumento rimosso, l'altezza del gibbo (Fig.6). Questa si legge sulla scala millimetrica dell'astina corrispondente alla parte depressa del gibbo: è pari alla distanza tra lo 0 dell'astina e il bordo inferiore della propria guida, e si esprime in millimetri interi arrotondati per difetto o eccesso.


Nell'esempio della Fig.6, sull'astina destra si legge un altezza del valore di 16 mm.


Volendo, si può misurare anche la "larghezza" del gibbo. Questa si ottiene leggendo sulla scala dell'asta orizzontale, la distanza di una delle astine laterali dallo 0 al centro dell’asta; nell’esempio della Fig.6, si legge una larghezza di 9 cm (4.5 cm x 2).

uso del gibbometro Ferrarouso del gibbometro Ferraro
Fig.6


Acquistalo su:


Approfondimenti:

  Scarica l'opuscolo informativo (pdf)
  European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine, 2016 Nov 08 - Minerva Medica